Top Social

[Review Party] Libellula (Fuoco di Russia Trilogy #2) di Amélie

giovedì 5 luglio 2018

Ciao a tutti carissimi lettori, 
oggi il blog partecipa al review party di Libellula il secondo volume della serie dark romance, erotic romance "Fuoco di Russia Trilogy" di Amélie uscito il 03 Luglio in self publishing.



Libellula
di Amèlie

Data di uscita: 03/07/2018
Ambientazione: Russia
E-book: € 2,99
Cartaceo: € 13,48
Pagine: 348
Serie: #2 Fuoco di Russia Trilogy
Editore: Self - Publishing
Genere: Dark romance, Erotic romance
Link di acquisto: https://amzn.to/2lRkXi6
Sono trascorse poche settimane da quando ho siglato un patto con il diavolo, scegliendo di sposarlo per salvare la mia casa e i meravigliosi ricordi legati a essa. Ora, Ruslan mi propone un altro terribile gioco: sottomettermi a lui per il bene di mio fratello, rinchiuso da cinque anni in questa villa maledetta. Jurij è lo schiavo di Oleg, come io lo sono di Ruslan, e il marchio infamante che portiamo sulla spalla destra ne è una conferma. La mia sottomissione passerà attraverso delle prove: se le supererò, potrò trascorrere un po’ di tempo con mio fratello e ottenere un miglioramento delle sue condizioni di vita. Ruslan ha trovato il mio tallone d’Achille e io non posso far altro che accettare il suo sporco gioco, sacrificandomi ancora una volta per l’unica persona che abbia mai amato. Ruslan è implacabile, crudele, sadico, sempre di più a ogni prova, ma se la ricompensa è Jurij, non m’importa di soffrire. Ogni giorno, vedo una maschera diversa sul volto di mio marito, ma l’unica che mi fa battere il cuore è quella dolce e comprensiva, generosa e benigna. Quando Ruslan indossa questa maschera, sento che potrei persino amarlo… Ma è tutta un’illusione. Ruslan Isakov è il diavolo, affascinante, subdolo, ingannatore, sempre pronto a bruciarmi con il suo fuoco demoniaco. È un cobra, che m’incanta con i suoi movimenti sinuosi e la bellezza selvaggia, che striscia silenzioso e mi azzanna quando meno me lo aspetto, infettandomi con il suo veleno micidiale. Devo stare molto attenta, perché lui è mio nemico e non può essere altro.
E se Ruslan non fosse l’unico dal quale dovermi guardare le spalle? Se ci fossero altri nemici ancor più pericolosi di lui, che minacciano tutto ciò in cui ho sempre creduto? Che cosa ne sarebbe della mia vita? Ognuna di queste domande troverà risposta e allora rimpiangerò davvero di essere nata. Rimpiangerò di non essere una libellula in grado di volare via per non tornare mai più.
Libellula è il secondo volume della trilogia Fuoco di Russia.

**ATTENZIONE, CONTEMPORARY DARK ROMANCE**
Contiene scene molto forti che potrebbero urtare la sensibilità delle persone.

Recensione

Ecco l'atteso ritorno di Ameliè con il secondo volume della serie Fuoco di russia: Libellula
Ma assieme a Zara ritorna anche Ruslan e la famiglia Isakov e quindi i loro intrighi, ma stavolta saranno intrecciati alle loro passioni e vi assicuro che resterete ancora di più col fiato sospeso. Avevamo lasciato Zara intrappolata nel suo matrimonio col cobra e dopo aver ritrovato l'amato fratello Jurij ed aver scoperto alcune verità molto scomode e spiazzanti, ma riallacciate le cinture perchè le rivelazioni non sono ancora finite e le atmosfere si faranno ancora più dark.
Sì Ameliè è ancora più spiazzante in questo secondo libro...ma lo sono ancora di più i suoi protagonisti, perchè si sà che nulla è come sembra, specialmente quando si è al cospetto del diavolo Ruslan, che in questo secondo capitolo si mostrerà ancora di più in tutto il suo splendore e bellezza, ma anche nel suo magnetismo ammaliatore,sensuale,potente e sarà ancora più cinico e distruttore.
Ho divorato questo libro che ha un bel ritmo, che ti trasporta con sè, in un atmosfera Hitchcockiana, si piena di suspence smorzata dalla tagliente ironia del Cobra, spesso impetuosa e deturpante, deturpante per l'anima della piccola Libellula, che si piega, e se anche viene privata delle sue ali non si spezza.
A tratti mi è sembrato di vedere Rebecca la prima moglie o la Donna che visse due volte e credetemi che questa volta i protagonisti hanno assunto un'aura maggiore, sono cambiati e sono ancora più ammalianti.
Sempre a pov alternati il libro ci trasporta nel matrimonio di Zara e Ruslan, e Ameliè oltre che alla vita matrioniale dei protagonisti, ci svela in maniera magistrale, smanie, misteri e caratteristiche dei protagonisti.
A poche settimane dal loro matrimonio il diavolo si già sta mostrando nelle sue mille maschere e spesso predilige mostrare la maschera della dolcezza e della comprensione ma che subito dopo un attimo si trasforma in violenza, nel fuoco di Russia che cerca di bruciare e uccidere la piccola Libellula che a volte si crogiolerà tra gli attimi furtivi di questa passione, per poi ridestarsi e ricordarsi di essere schiava del diavolo e di dividere questo crudele destino col fratello

«Lui ha bisogno di dominarmi e l'unico modo per riuscirci è trasformarmi in una schiava.»

Zara la piccola ragazzina si trasformerà ben presto in donna prigioniera tra le fiamme dell'inferno e si lancerà nell'impresa di ingannare il diavolo, incantandolo spesso ma come può un essere così indifeso confondere il diavolo???
Con l'amore forse? Ma in una famiglia di folli e carnefici ci può essere amore?
Forse ... ma un amore malato e promiscuo che intreccia sempre di più tutti i componenti della famiglia Isakov alla famiglia di Zara, che non può fare altro che soffrire e lottare, ribellarsi sempre a tutto ciò, rischiando sempre e molto

«Il tuo dolore,mia piccola libellula. Dammi la tua sofferenza affinché possa saziarmene. Dammi le tue lacrime affinchè possa dissetarmi.Banchettare con il tuo corpo non mi basta.Voglio di più. Voglio Tutto.»  

Ma Zara ha promesso che ci riuscirà e che farà talmente male al cobra che cadrà ai suoi piedi.
Si costruirà una corazza difficile da scalfire dove il diavolo cercherà sempre di insinuarsi. Odio e amore si misceleranno fino a confondersi tra loro, Ruslan resterà spesso intrappolato in questa fitta tela ma lui è Ruslan Isakov non ha un cuore, forse anche il diavolo ha più cuore di lui.

«Il mio corpo ama Zara. Il mio cuore, invece, non la amerà mai. Perchè non sa come si fa. Perchè non vuole. Perchè non può.»

Ma Zara si rivelerà presto in grado di stregare anche il diavolo, anche se per poco.

«Non ci sarà mai pace per te, mia piccola libellula, perchè vivi all'inferno e lì...la pace non esiste.»  

Inganni, dolore e morte si alterneranno a piccole gioie,e attimi d'amore in una continua danza al centro dell'inferno.

«Fai attenzione a chi odi, Zara.»
«Ma fai ancora più attenzione a chi ami, perchè le delusioni peggiori si ricevono proprio da chi ti fidi...»   

Tutto vi verrà mostrato in toni crudi e le nuove verità vi sconvolgeranno, ma siate come Zara e andate avanti e non demordete, scoprite se la libellula incaterà il pericoloso cobra e ammansirà questa fiera feroce.

«Sei tu l'unica donna che desidero, l'unica che mi soddisfi,l'unica che mi completi, l'unica in grado di sedere sul trono accanto al mio.Tu sei l'unica in tutto, mia piccola libellula che continua ad infliggerle male e ferite profonde sia nell'anima che nel corpo.»

Ma Zara riesce sempre a rinsavire e rivoltare la situazione e a invertire i ruoli di vittima e carnefice, carceriere e prigioniera.

«Trafiggimi Zara. Trafiggimi....Come io ho fatto con te.»

Questo secondo volume ci farà viaggiare attraverso le anime dei protagonisti che se pur incompatibili tra loro si scopriranno essere simili, uguali pur essendo diverse, avvolte tra di loro in un misto di desiderio, passione e detestarsi, miele e veleno puro allo stesso tempo, luce che si mescola all'oscurità.
Entrambi abbaglianti e accecanti in egual maniera

«Ti odio con ogni fibra del mio essere, Zara.»
«Ti credo Ruslan.»
«Eppure non posso fare almeno di te. Sono tuo. Sei mia.Siamo destinati a danzare insieme per sempre nel cuore dell'inferno.»

Grazie Ameliè per questo libro bellissimo...solo tu sai miscelare ghiacchio angelico al fuoco demoniaco...ora aspetto il terzo e i nuovi stravolgimenti che mi farai provare grazie alla tua geniale e mai banale penna!!!!


VALUTAZIONE:

Posta un commento