-->

martedì 25 aprile 2017

Intervista a Elena Lombardi


Ho avuto il piacere di ospitare nel mio gruppo #SweetMenSagaManziENonSolo la dolcissima Elena Lombardi, scrittrice ventinovenne autrice del romanzo Sorpresi dal Destino. Ecco che cosa abbiamo scoperto di lei nell'intervista a cui si è gentilmente prestata…

I 3 motivi per perché un lettore dovrebbe leggere il tuo romanzo ?
1) I protagonisti si tollerano appena e sono costretti a convivere nella stessa casa con i loro caratteri incostanti. 2) Credo sia divertente e romantico scoprire come tenteranno di risolvere la questione. 3) Se cercate qualcosa di romantico è il romanzo che fa per voi. Complice un ambiente semplice e naturale.


Cosa rappresenta per te scrivere?
Ti rispondo in una sola parola... TUTTO. La scrittura è parte del mio essere.


Quando scrivi vuoi il silenzio o anche tu ascolti la musica...?
Scrivo in silenzio quando riesco a rimanere sola in casa. Mi concentro di più. Ascolto la musica quando è inevitabile, anche se mi ispira.

Quando e come hai capito di voler essere una scrittrice?
Purtroppo ho cominciato tardi. Avevo 21 anni. Ho iniziato a scrivere dopo aver lasciato l'università. Era un periodo un po' buio. Cercavo me stessa e la mia identità. Alla fine è arrivata la penna e la scrittura. Non ho più smesso da allora.

Descrivi con tre aggettivi i tuoi personaggi principali...
Flavio Del Conte come avrete capito è diffidente, arrogante e scontroso. Madeleine Kirsten invece è orgogliosa, testarda e passionale

Ciao Elena, in che momento della giornata ti senti più ispirata?
Di solito sono più produttiva la mattina. Ispirata credo sempre. Anche di notte con dei sogni fantastici che mi aiutano tanto

Come gestisci il tempo per la scrittura?

Fosse per me scriverei dalla mattina alla sera ma non sempre è possibile. Cerco di organizzarmi al meglio. La notte niente, troppo pigra 😂 ma proverò.
Quale genere non scriveresti mai?
Forse l'erotico!

Quale genere ti piacerebbe scrivere?

Sempre il rosa. Mi piace anche il genere del romantic suspance.

Sorpresi dal destino è davvero la primissima opera che hai scritto? O prima hai scritto altro, anche se magari solo abbozzato?

Sincera? Non è la prima opera che ho scritto. Prima di questo romanzo ne ho abbozzati altri due. Uno forse lo conosci 😂. È stato ideato prima.

Tra i tuoi personaggi ne hai qualcuno che ami immensamente e un altro che invece odi?
Amo Flavio e apprezzo tantissimo Madeleine. Odio profondamente Marzia. Un personaggio secondario davvero perfido.

Il posto più strano in cui ti sei sentita ispirata?

In Chiesa? E io non ci vado spesso di solito sono molto allegra quando ci vado. E il prete mi guarda male come spiegargli che ho avuto l'illuminazione?
Eri una bambina scrittrice o lettrice?
Bambina con il naso nei libri. Ho scoperto prima la lettura, la scrittura è venuta successivamente.

Ti piacerebbe scrivere in futuro qualcosa a quattro mani?
Non ho mai provato. Non saprei cosa aspettarmi ma non lo escludo.

Dicci quale è il libro che più hai amato leggere e quello che invece bruceresti in un camino?
Ho cominciato a leggere Sparks con il romanzo "Ho cercato il tuo nome". Il mio preferito però è "Vicino a te non ho paura". Non ho un romanzo da buttare nel camino. È un atto di alta criminalità per me 😂 Di solito non resto delusa perché sono molto selettiva.
La cosa che proprio non leggeremo mai nel tuo romanzo?! 
Scene troppo hot. Non so se sarei in grado di scriverle.

Vengono prima i prestavolto o i personaggi?
I personaggi. E dopo vado alla ricerca disperata di qualcuno che li somiglia moltissimo. Sono esigente con i prestavolto.

Quale libro avresti voluto scrivere tu?
Bella domanda. Quelli di Nicholas Sparks probabilmente. Una bellezza stare sul divano a guardarli dalla tv.

Quali sono le scene che ti mettono in difficoltà quando vai a scriverle?

Quelle che non ho vissuto in prima persona perché è difficile immedesimarsi nel personaggio. È più semplice descrivere un'emozione che conosci. Mettersi nei panni di un altro è più complicato.

Saga o autoconclusivo?
Autoconclusivo, finora!

Ti propongono di girare un film sulla tua storia...ma cambiano qualcosa di importante...DICI SÌ O NO?
Dipende da cosa vogliono cambiare. Se è per migliorare forse sì. Non saprei. Dubbio atroce.

Come ti è venuta in mente la storia di sorpresi dal destino?
Da un sogno che ho avuto la decenza di scrivere prima di dimenticarlo. 29 Luglio 2011. La scena è verso la fine del romanzo.

Libro e cioccolata calda...film e pop Corn?
La serata perfetta per me? Un bel romanzo, pop corn e il camino acceso. La mia debolezza peggiore ha la forma di una patatina … non riesco a vivere senza.

I tuoi genitori ti appoggiano nella tua scelta lavorativa?
Sono stati costretti a farlo alla fine. Troppo cocciuta. Fosse per loro sarei infermiera adesso. Io però non ho mai mollato. È stata dura. Bisogna sempre credere ai propri sogni e realizzarli. O almeno provarci. 

Chi è Elena quando non scrive?
Elena che legge!

Ti ricordi quale è stato il primissimo romanzo che hai letto?
Ho cominciato con gli Harmony. Li adoro tutti. Il primo che ho letto? Apparteneva a mia zia. Una sorta di eredità. La moglie del diavolo. Resta ancora il mio preferito.

Quanto sono importanti i social nel mondo degli autori?
I social sono molto importanti per promuovere un romanzo. Diretti e veloci. Bisogna saperli usare però il troppo storpia.

3 libri che tutti dovrebbero aver letto?!
Non tutti amano il genere. Io credo che tutti dovrebbero leggere L'arte di amare di Erik Fromm e Vivere amare e capirsi di Leo Buscaglia. Quel libro mi ha cambiato la vita. Anche qualche classico non è male😂 la terza scelta è libera...
Il tuo film preferito?
Titanic. Però ho una passione segreta…amo i film indiani!

Hai mai usato qualcosa successo nella tua vita nei tuoi romanzi?
Ci sarà sempre un po' di me nelle storie. Niente in particolare. Di solito i cattivi che incontro nella vita reale nei romanzi li prendo a capelli o li faccio morire, non sono vendicativa. Faccio giustizia

Romanzi ambientati in Italia o all'estero?
Preferisco rimanere in Italia quasi sempre. Ne ho scritto uno ambientato a Sydney però. Anche questo da correggere

Sai già che io amo la tua copertina ... com'è nata? hai scelto tu la foto?
Adoro anch'io la copertina. È stata scelta da Argeta Brozi che ringrazio ancora

C'è un Flavio nella tua vita?
Magari!

MOMENTO CURIOSITA' ...3 domande secche: Ti piace cucinare? Animali si/animali no?Bianco o nero?
Adoro cucinare. Mi piacciono gli animali e tra il bianco e il nero scelgo il rosso.

Ti è mai capitato di rileggere una frase e dire: ODDIO E QUESTA COME MI ERA USCITA?
Mi capita spesso. Nel bene e nel male. Quando scrivo qualcosa di bello mi faccio i complimenti da sola. Quando scrivo qualcosa di brutto mi punisco. Sono molto severa. Poi più lo rileggi più non ti piace. Boh. A volte mi succede anche questo.

Se tu potessi essere la protagonista di un romanzo che hai letto o scritto, chi ti piacerebbe essere?
Bella domanda. Adesso ci penserò fino a domani. Non so scegliere. Mi succede raramente che un libro non mi piace quindi spero sempre di immedesimarmi nei protagonisti che leggo. La lettura ha questo potere. Sono uno nessuno centomila... per dirla alla Pirandello.

Cosa deve esserci in un romanzo secondo te per essere amato dal pubblico????
Non saprei. Ogni lettore è diverso da un altro. Vogliono l'effetto sorpresa, vogliono l'originalità e non sempre è facile perché ci sono tantissimi libri e tantissime autrici bravissime. Credo che ogni romanzo abbia un pubblico diverso. La lettura è soggettiva e anche la scrittura quindi è un macello.

Ci dici una curiosità sulla pubblicazione di Sorpresi dal Destino????
"Sorpresi dal destino" ha sorpreso anche me per una serie di coincidenze che mi sono capitate. Se non avessi letto due romanzi adesso non sarei qui. Non avrei mai conosciuto Argeta e non avrei mai conosciuto Valeria che mi ha aiutata nel primo editing del romanzo. Ho scelto i libri giusti da leggere quel giorno 😍 da lì è cominciato tutto.

La tua autrice o autore preferito?
Autore maschile preferito Nicholas Sparks. Un grande maestro. Autrici femminili Nora Roberts, Niamh Greene ma anche tante italiane... ultimamente sto leggendo solo italiane.

Posta un commento